© 2019 Studio la Fenice di Claudio Guzzi- P. Iva 08568670965 - Informativa privacy GDPR

Cerca
  • Studio la Fenice

Familiari a carico: come considerarli nella prossima dichiarazione dei redditi

Uno dei principali fattori da tenere in considerazione in sede di dichiarazione dei redditi è rappresentato dai familiari a carico.

La compresenza dei familiari con determinati requisiti reddituali permette di beneficiare di alcuni bonus e forme di sostegno al reddito.

Le informazioni richieste in sede di dichiarazione dei redditi, 730/2020 su redditi 2019, si riferiscono ai componenti del nucleo familiare che risultano essere stati fiscalmente a carico del dichiarante , siano essi rappresentati dai figli, dal coniuge o da altri familiari.

La definizione di familiare fiscalmente a carico si riferisce ai componenti del nucleo familiare che hanno percepito un reddito annuale totale pari o inferiore ad un determinato importo.

Tale soglia di reddito viene determinata, annualmente, dalla Legge di Bilancio.

In linea generale i familiari fiscalmente a carico risiedono con il dichiarante ma, in alcuni casi, potrebbero risiedere all'estero.

E' possibile definire tali, le seguenti misure:

  1. figli naturali, adottati, affiliati o affidati;

  2. coniuge non legalmente separato;

  3. altri familiari che risiedono sotto lo stesso tetto del dichiarante o che ricevono assegni di mantenimento dal dichiarante.

ATTENZIONE: sulla base della fascia di reddito a cui si appartiene, si determina la percentuale di detrazioni spettanti. La percentuale di quota cosi' imputabile è definita dall'articolo 12 del TUIR


Reddito ed età dei familiari fiscalmente a carico

Un familiare è definito fiscalmente a carico nel caso in cui il suo reddito complessivo annuale, secondo l'ultima Legge di Bilancio 2020, sia pari o inferiore ad € 2.840,51 lordi.

Da precisare inoltre che sono considerati a carico i figli fino a 24 anni di età con un reddito annuale lordo pari o inferiore ad € 4.000,00.

Contribuiscono al calcolo del reddito annuale lordo anche i seguenti punti:

  • compensi ricevuti da Enti e Organismi internazionali, missioni, Enti Centrali della Chiesa Cattolica, Santa Sede e Rappresentanze consolari e diplomatiche;

  • quota esente dei redditi da lavoro dipendente svolto nelle aree di frontiera;

  • reddito di impresa o lavoro autonomo assoggettato a imposta sostitutiva in applicazione del regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità, o del regime forfettario per gli esercitanti l'attività di impresa, arti o professioni;

  • reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni.

ATTENZIONE: nel caso in cui nel corso del 2019 la composizione del nucleo familiare sia cambiata, è necessario compilare per ogni variazione un rigo del Modello 730/2020.


Cosa succede nel caso di genitori separati

in linea generale, le detrazioni dei figli a carico per il 2020 devono essere equamente divisi tra i genitori non legalmente separati. In alternativa le detrazioni spettano al genitore il cui reddito è maggiore.

Nel caso invece di genitori legalmente separati, con matrimonio cessato o sciolto, le detrazioni fiscali spettano al genitore affidatario. In caso di affidamento congiunto o condiviso, le detrazioni spettano al 50%.

ATTENZIONE: qualora l'affidamento fosse congiunto, ed uno dei due genitori fosse impossibilitato a detrarre la spesa a lui spettante, questa andrebbe detratta interamente dall'altro genitore. Questo poi viene chiamato a rimborsare l'ex coniuge del 50% dell'importo percepito.



52 visualizzazioni